Brazedèl

Come avrete notato, tutte le ricette che vi stiamo presentando hanno delle forti radici nella tradizione. In questo caso, il Brazedèl era (ed è tutt’oggi) regalato, soprattutto in Trentino, ai figliocci nel giorno di Capodanno. Si tratta di una ciambella molto morbida all’interno, dal gusto semplice e genuino.

RICETTA:

  • 500 gr di farina
  • 150 gr di zucchero
  • 100 gr di burro
  • 2 tuorli
  • 100 gr di latte
  • 25 gr di lievito di birra
  • 250 ml di grappa trentina
  1. Sciogliere il lievito nel latte e impastare con gli altri ingredienti, aggiungendo acqua tiepida finché l’impasto risulta morbido. Lasciar lievitare l’impasto in camera di lievitazione a 30°C, coperto da un canovaccio, finché raddoppia il volume iniziale.
  2. Impastare nuovamente e formare delle piccole ciambelle.
  3. Spennellare con l’uovo sbattuto e cospargere di granella di zucchero.
  4. Lasciar lievitare nuovamente, mettere in stampi da ciambella monoporzione e cuocere in forno pre-riscaldato a 180°C per 10/12 minuti circa fino a una completa doratura del dolce.
  5. Per impreziosire l’impasto si può aggiungere l’uvetta.

CURIOSITÀ:

Il nome in dialetto trentino Brazèdel deriva dal fatto che il padrino lo portava in dono infilato nel braccio.