Trento e Dintorni

Foto © www.visittrentino.info Alberto Bernasconi

Trento e dintorni

Una città millenaria, fondata dei Romani verso la metà del I secolo a.C. quand’ancora si chiama Tridentum, il capoluogo del Trentino è un must per tutti coloro che amano l’incontro tra la natura e la storia, l’arte e la cultura.

Camminando per le vie di Trento verrette ammaliati dalle costruzioni greco-romane, scoprirete le sue radici medioevali e, senz’accorgervene, vi troverete di fronte ad un meraviglioso palazzo rinascimentale. Infatti, Trento conobbe il periodo di maggior splendore proprio durante il Cinquecento, complice anche il Concilio ecumenico, che diede inizio alla Controriforma e fece conoscere la città in tutt’Europa.

Ora Trento è una città giovane, meta di studenti che ambiscono a frequentare la sua università all’avanguardia, una delle prime nel ranking italiano.

Dal punto di vista geografico Trento si trova nel cuore della valle dell’Adige e, data la sua posizione centrale, può essere raggiunto senza troppe difficoltà da tutte le valli trentine e alto-atesine.

TOP 5 DA NON PERDERE

Visitare il MUSE e ammirarne l’edificio progettato da Renzo Piano

Respirare la magica atmosfera natalizia durante i Mercatini di Natale in Piazza Fiera

Raggiungere il Castello del Buonconsiglio

Salire sul Monte Bondone per sport, svago e splendidi panorami in ogni stagione

Godersi un aperitivo di fronte alla fontana di Nettuno in Piazza del Duomo

IL CENTRO STORICO

La città di Trento è una vera perla delle Dolomiti, perché sa unire il carattere storico artistico tipico delle cittadine con il fascino e il gusto alpino. È una città piccola, facilmente visitabile in un giorno, ricca di cultura, vivace e sicuramente più “italiana” della sorella Bolzano. Simbolo di ciò è la statua del sommo poeta che torreggia appunto sopra Piazza Dante, un chiaro monumento di italianità.

Insomma, in poche parole Trento è un elegante salotto delle Dolomiti.

Il centro storico della cittadina è abbastanza piccolo, ma unito da varie influenze artistiche, come ad esempio lo stile Rinascimentale italiano, espresso da palazzi dai colori tenui e dai balconi in legno, e l’ingerenza austriaca, collocata nel periodo della dominazione asburgica.

Passeggiare per le stradine del centro storico è sicuramente il miglior modo per imbattersi nei monumenti storici e scoprirli. Tra i più famosi citiamo senz’ombra di dubbio la Cattedrale di San Vigilio, in Piazza del Duomo. Essa venne costruita intorno al XII secolo in stile gotico-romano e rappresenta tutt’ora un’importante testimonianza storia: fu proprio qui infatti che si riunì il Concilio di Trento, convocato nel 1545 per fronteggiare la minaccia che soffiava imperterrita dalla Germania di Martin Lutero e delle sue tesi. Pensate che al tempo, i ricchi e superbi ecclesiastici fecero trasferire tutti i poveri della città dall’altra parte dell’Adige per non essere disturbati.

All’interno della cattedrale, lungo la navata centrale, si possono invece ammirare imponenti affreschi e splendide balconate di marmo.

Se si parla della cattedrale, bisogna per forza citare anche la piazza in cui si trova, ovvero Piazza del Duomo. Qui a svettare sui visitatori è la Fontana di Nettuno, circondata da spettacolari palazzi rinascimentali come i Palazzi di Via Belanziani e Casa Cazuffi Rella. Come già anticipato prima, qui si può vedere con i propri occhi gli anni in cui la città di Trento ebbe il suo periodo di maggior splendore, ovvero tra il Medioevo e il Rinascimento.  

 

Foto © www.visittrentino.info Carlo Baroni

Foto © www.visittrentino.info Carlo Baroni

Torri merlate, meravigliosi affreschi, logge con uno spettacolare panorama sulla città… stiamo parlando del Castello del Buonconsiglio, simbolo di Trento, un’imponente massa di pietra medioevale che racchiude tutta la storia della città. Fino al 1803 è stato dimora dei vescovi, ma dalla Prima Guerra Mondiale è tristemente noto per essere stato il luogo in cui Cesare Battisti, irredentista e patriota, fu giustiziato per voler annettere il Trentino all’Italia, sottraendolo quindi al regime degli Asburgo.

Oggi le sue sale ospitano mostre, collezioni d’arte, laboratori, attività didattiche e dispone anche di un giardino dove rilassarsi.

Dal 2013 Trento è famosa anche per ospitare il MUSE-Museo delle scienze di Trento, il cui edificio fu progettato dall’architetto Renzo Piano. Il museo si trova all’interno del quartiere “Le Albere” e offre ai suoi visitatori un percorso interattivo che usa la metafora della montagna per spiegare la formazione delle Dolomiti e la biodiversità alpina. Al centro della filosofia di questo museo naturale c’è quindi il rapporto uomo-natura e il loro percorso dalle origini ad oggi.

DINTORNI

Pe rimanere a contatto con la natura ci spostiamo sul Monte Bondone, altrimenti detto l’Alpe di Trento! A pochi minuti dalla città, potrete vivere a 360° la natura dolomitica, sperimentando tante attività sportive, sia per grandi che per piccini. Trekking, escursioni in e-bike, vie ferrate, arrampicata, tiro con l’arco, giochi all’aria aperta, parapendio e chi ne ha più ne metta!  E non solo d’estate: qui anche nella stagione fredda potrete cimentarvi in sci, snowboard, pattinaggio e curling.

Il Trentino è anche la terra dei laghi, da vivere nelle stagioni più calde per qualche bagno, un giro in pedalò, o per rilassarsi al sole.

Uno dei laghi che dovete assolutamente è il Lago di Molveno, considerato dal 2019 il Lago più bello d’Italia!  Il Lago di Molveno si trova all’interno del Parco Naturale Adamello Brenta e potete raggiungerlo in 40 km da Trento. Ve lo assicuriamo noi, la maestosa cornice naturale delle Dolomiti di Brenta riflesse sulle acque del lago vi farà rimanere senza fiato!

Parlando del Lago di Molveno, lo scrittore Antonio Fogazzaro lo definì: “preziosa perla in più prezioso scrigno”. E noi gli diamo ragione!                                                                                                                            Questo luogo idilliaco, con i suoi 12 ettari di spiaggia, è perfetto anche per le famiglie che vogliono passare una giornata in riva al lago, sdraiati sui prati all’inglese, giocando nelle aree giochi e nei minigolf…c’è anche un parco acquatico che vi aspetta!

In realtà, il Trentino è anche la terra di castelli e fortezze, alcuni dei quali raccontati dai nostri blogger nella sezione apposita.

Qui però vorremmo parlarvi di Castel Beseno, la più grande fortezza di tutta la provincia. Grazie alla sua posizione strategica situata su un colle, da Castel Beseno i visitatori potranno godere di una meravigliosa vista su tutta la Vallagarina. Geograficamente parlando, il Castello si trova tra Rovereto e Trento, e proprio per questo durante il Medioevo fu teatro di sanguinose battaglie. Nel 1973, i conti Trapp lo donarono alla Provincia autonoma di Trento, che ne curò il restauro. A Castel Beseno potrete trovare una mostra permanente sulla terribile battaglia di Calliano, mostre temporanee, revocazioni storiche e tante altre attività.

Foto © www.visittrentino.info Carlo Baroni

Foto © www.visittrentino.info Romano Bragone

EVENTI

Non si può parlare di Trento senza nominare i Mercatini di Natale che si svolgono in Piazza Fiera da fine novembre e inizio gennaio. I mercatini sono tipici delle cittadine dolomitiche, pensiamo per esempio anche a Merano e Bolzano, ma ognuna di esse ha un’atmosfera speciale e magica.  Le luci dell’albero di Natale, il profumo di cannella e di vin brulè, una fetta di strudel, risate, fuoco scoppiettante e compagnia…tutto il necessario per farvi vivere una meravigliosa giornata in pieno spirito natalizio.

La manifestazione più importante di Trento sono le Feste Vigiliane in onore di San Viglio, patrono della città, e celebrate a fine giugno. In questi giorni di festa sono organizzate molte attività, riconducibili alle antiche tradizioni della cittadina, come ad esempio il corteo storico in costume, dove gli abitanti sfilano con abiti rinascimentale lungo le vie del centro, il Palio dell’Oca, in cui giovani rappresentanti dei quartieri di Trento si sfidano cercando di navigare su delle zattere sul fiume Adige, la processione e la messa, la cosiddetta “Tonca” e molto altro. Se verso il 25 di giugno passate per Trento non potete non fermarvi a festeggiare le Feste Vigiliane, ci sono anche i fuochi d’artificio!

Allora vi abbiamo convinto? Trento merita una bella visita durante le vostre vacanze sulle Dolomiti? Noi siamo sicuri di si!