La Floriana

Una majon magica: La Floriana a Canazei

 

Amore e sentimento contraddistinguono la maestosa opera d’arte di Giancarlo Debertol

Lentamente il bosco si sta tingendo dei colori dell’autunno e, proprio in quest’atmosfera, quando le strade del centro storico di Canazei si svuotano, siamo andati alla scoperta della casa La Floriana. Per gli amanti di Canazei e gli appassionati delle Dolomiti è una tappa d’obbligo.

La casa La Floriana si trova in centro storico di Canazei, accanto alla chiesa di San Floriano. Appunto al patrono della frazione e dei vigili del fuoco, è stata dedicata la casa. Osservando le pareti ornate e decorate della casa, si entra per magia in una fiaba. Dai merletti scolpiti nel legno di cirmolo e dai colori brillanti emergono i sentimenti che lo scultore e pittore che si nasconde dietro ad essi ha consumato.

 

La casa La Floriana non è soltanto un edificio, ma la storia della famiglia Debertol. Dietro ai mille e mille colori che contornano le finestre che si affacciano su Crepa Neigra c’è Giancarlo. La sua è una grandissima passione per l’arte, la quale si è trasformata in un lavoro maestoso. Quadri, statue, dipinti e merletti necessitano di un continuo restauro e per questo la maggior parte del suo tempo Giancarlo lo passa nella sua bérstot (laboratorio*). Le prime opere sono apparse sui muri de La Floriana nel 1970 e Giancarlo, seppur dopo cinquant’anni, continua con amore, sentimento e devozione a decorare la sua majon (casa*).

»Abitiamo in un Paradiso: montagne e squarci naturali ce ne sono a non finire. Raffiguro anche elementi religiosi. Ho cercato di riportare un po’ della natura sulle pareti esterne della mia casa, ma non solo… anche l’interno è decorato«.

Te speton ence nos a Cianacei a fotografèr coi eies, ma soraldut col cher, chest picol gran melaur!

 

 

 

© Nicoletta Riz con Melania Riz – Team Passione Dolomiti